Vai al contenuto principale

Classificazioni del caffè verde
Il caffè verde è un tipo di caffè ottenuto da chicchi non tostati. A differenza del caffè tostato che siamo abituati a consumare, il caffè verde conserva tutte le sue proprietà e i suoi benefici per la salute. Ma sapevate che il caffè verde è anche classificato in diverse categorie? In questo articolo vi parlerò delle classificazioni del caffè verde e di come queste influenzino la sua qualità e il suo gusto.

Classificazione per origine

Uno dei modi più comuni per classificare il caffè verde è l'origine geografica. Ogni regione produttrice di caffè ha caratteristiche uniche che influenzano il gusto e l'aroma dei chicchi. Alcune delle origini più riconosciute sono:

  • Arabica: nota per il suo gusto delicato e aromatico, viene coltivata soprattutto in America Latina e in Africa.
  • Robusto: ha un sapore più forte e amaro e viene coltivato soprattutto in Africa e in Asia.
  • Liberica: meno diffusa, viene coltivata soprattutto nelle Filippine e ha un sapore più acido e astringente.

2. Classificazione per dimensione e forma

I chicchi di caffè verde sono classificati anche in base alla loro dimensione e forma. Questo può influenzare la qualità del caffè e il suo processo di tostatura. Alcune delle classificazioni più comuni sono:

  • AAA: i grani più grandi e di forma più uniforme.
  •  AA: grani grandi e uniformi, ma leggermente più piccoli di AAA.
  •  A: grani di medie dimensioni e di forma più irregolare.
  • B: grani piccoli e di forma irregolare

3. Classificazione per qualità

La qualità del caffè verde viene classificata anche in base al suo stato e al suo livello di maturazione. Alcune delle classificazioni più comuni sono:

  • Primo lavaggio: grani di alta qualità, lavati ed essiccati al sole.
  • Lavaggio: ma non come i cereali lavati Prime Washed.
  • Naturale: cereali non lavati ed essiccati al sole.
  • Naturale in polpa di cellulosa: cereali che subiscono un processo di fermentazione e vengono poi essiccati al sole.

4. Classificazione per grado di tostatura

Anche se il caffè verde non è stato tostato, può essere classificato in base al grado di tostatura che subirà. Alcune delle classificazioni più comuni sono:

  • Arrosto leggero: tostatura leggera, che preserva maggiormente i sapori e gli aromi originali del caffè verde.
  • Tostatura media: tostatura media, che bilancia i sapori e gli aromi originali con quelli derivati dalla tostatura.
  • Tostatura scura: tostatura scura, che esalta i sapori e gli aromi derivanti dalla tostatura.
    In sintesi, il caffè verde viene classificato in base all'origine geografica, alla dimensione e alla forma dei chicchi, alla qualità e al grado di tostatura. Queste classificazioni ci aiutano a capire le caratteristiche e le proprietà di ogni tipo di caffè verde e a scegliere quello che meglio si adatta ai nostri gusti e alle nostre preferenze. Ricordiamo che il caffè verde è un'ottima opzione per godere di tutta la bontà del caffè senza perdere i suoi benefici per la salute.

Lascia una risposta

Avete bisogno di aiuto?